Cerca per marca

Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-

Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-Lotus 72 #2 Hockenheimring 1970 "J.Rindt" -CAR02A-
Usa la rotella di scorrimento del mouse per ingrandire l'immagine
Prezzo:

53,50 Iva inclusa (22%)

Cod. art.: 10064
Confezione da: 1Pz
Cod. Produttore: CAR02A
Marca: Policar 1/32
Disponibilità: Non disponibile
Quantità:

Descrizione

Riportiamo di seguito l'articolo pubblicato da Italiaslot non come copia e incolla, ma per avvalorare ulteriormente quanto detto sulla Lotus dalla Policar in una recensione scritta ad arte e curata nei minimi particolari. Complimenti Italiaslot!





Il primo modello sarà la mitica Lotus 72 che il grande Jochen Rind portò alla vittoria con livrea Gold Leaf sul circuito di Hochenheim nel 1970.



Bella da morire, curata in ogni minimo particolare, è un modello slot da fare invidia ai migliori statici.













Rispetto a modelli similari della concorrenza che senza magnete sulle piste sono inutilizzabili, oltre al grande lavoro estetico, su queste F1 si è curato l'aspetto dinamico del modello.
Con le gomme appropriate e togliendo il magnete, nulla hanno da invidiare alle slot car di elevate prestazioni a cui siamo abituati in questi ultimi tempi.





A livello estetico da notare il casco molto reale con la testa del pilota visibile dietro la visiera trasparente





Non parliamo poi della riproduzione del motore Ford con tromboncini, tubi e collettori di scarico. Una vera opera d'arte.





Il progetto della serie F1 Classic di Policar ha richiesto parecchio lavoro di progettazione per fare in modo che la meccanica non fosse visibile e non rovinasse esteticamente la linea dei modelli.

Se non fosse per il pick-up la lotus 72 potrebbe passare per un modello statico a tutti gli effetti.
Dall'esterno non si vede assolutamente la trasmissione.
Per ottenere questo incredibile risultato estetico è stata progettata una cascata di ingranaggi che rimane all'interno della bellissima riproduzione dell'otto cilindri Ford.

Questo gioiello di ingegneria fa si che, una volta tolta la carrozzeria, ci troveremo davanti ad una situazione diversa dal solito semplice pignone/corona.
Niente di complicato, si intende, ma per chi ne farà un uso agonistico o semplicemente provare a cambiare rapporto, sarà meglio comprenderne i meccanismi di smontaggio e rimontaggio.

Per togliere la carrozzeria dobbiamo svitare 4 viti (due frontali e due laterali) e una vite a brugola (poco visibile) posta all'altezza del cambio.



Le viti della carrozzeria si individuano facilmente perché hanno la testa piatta, mentre quelle del supporto motore (4) hanno la testa tonda.

Una volta svitata la brugola posteriore potrete estrarre i leveraggi del cambio che comprendono i terminali degli scarichi e la batteria



Prestare molta attenzione a togliere la carrozzeria perché le marmitte che rimangono attaccate al motore passano sotto l'assale e dovrete sfilare la scocca verso l'anteriore.
Una volta tolta la carrozzeria possiamo vedere tutta la meccanica (nella foto i fili passano sopra l'assale, in realtà il passaggio corretto è sotto.





Ecco la composizione della trasmissione





Svitando le 4 viti del supporto motore si separa la parte anteriore del telaio da quella posteriore



All'apparenza la carrozzeria sembra molto delicata, in realtà i pezzi a rischio urto come le alette anteriori o l'alettone sono ad incastro (si tolgono e si rimettono in un attimo).



Vediamo ora come assemblare la trasmissione (operazione inversa per smontarla).

ATTENZIONE!!! Per togliere l'assale e la corona non tentate di sganciarli facendo uscire le boccole dalle fessure del supporto motore, ma seguite la procedura che vi mostro.

L'assale è comprensivo di pignone: a ricambio troverete assali pre assemblati con pignoni da 16. 17 o 18 denti.



Per prepararlo al montaggio dovrete inserire lo "stopper" e le due bronzine.



Inseritelo nel supporto motore con le bronzine e lo stopper vicino al pignone



poi infilate le bronzine nelle rispettive sedi del supporto motore



Notate che il pignone dovrà premere contro la boccola di destra. Infilate la boccola di sinistra e bloccate il tutto con lo stopper.



Per smontarlo l'operazione è inversa, sbloccate lo stopper e fate uscire le boccole dalla sede.
Venduti a ricambio ci sono i cuscinetti da sostituire alle bronzine



Anche la corona è montata tramite bronzine (una diversa dall'altra. NON INVERTITELE)



Infilate la bronzina di destra nella sede del supporto motore



La corona deve avere OBBLIGATORIAMENTE due rasamenti/rondelle da 0,2mm come vedete in figura



Inserite la corona nella bronzina



Infilate la bronzina di sinistra dall'esterno (la pretuberanza della bronzina deve corrispondere con la parte aperta della sede)





Girate la bronzina con il cacciavite a taglio per fare in modo che non esca dalla sede



Spingete verso l'esterno la boccola di sinistra per bloccare la corona





La corona sarà unica (z25/z16), non sono previste dentature diverse dall'originale. Il rapporto lo si cambia solo con la sostituzione dell'assale.



Ovviamente le stesse operazioni vanno fatte al contrario per rimuovere la trasmissione.

Tutto sommato, fatto una volta, è tutto estremamente semplice.
La parte che ho trovato più ostica è stato rimontare la carrozzeria sul telaio.
Le marmitte da infilare sotto all'assale con i tubi dell'acqua che interferiscono, non è proprio un'operazione così semplice e veloce.
Per le prossime F1 Classic è in fase di modifica lo stampo delle marmitte per accorciarle in modo che la carrozzeria si inserisca dall'alto senza troppe acrobazie.



I cerchi sono in plastica e si montano a pressione.
A ricambio ci sono i cerchi in alluminio con il classico fissaggio a brugola e le gomme "racing" F22





Ai più scettici sul funzionamento di questo modello (vuoi per il piccolo motore, vuoi per la meccanica o quant'altro), dico che vi stupirà.
Messo in pista con le gomme F22, dopo averne capito il comportamento, sono riuscito a girare con costanza e sicurezza sui tempi delle GT3. Non volevo crederci!!!



Tale è stata la soddisfazione che al Milano Slot si è deciso di fare la classica gara di Natale con questi nuovi modelli.
Venerdì 18 sei Lotus 72 saranno fisse in corsia per la gara a squadre dei Babbi Natale.
Per chi fosse interessato nei prossimi giorni sul forum del Milano Slot sarò più preciso sulle modalità di gara.

Con questo nuovo modello non può essere che un Buon Natale!


Caratteristiche

Scala del modello :1/32
Compatibile con piste:Scala 1/32 & 1/24 12Volt

Ricambi originali

I clienti che hanno acquistato questo prodotto, hanno scelto anche questi articoli

Pagamenti sicuri con Paypal e Carte di credito
^